| 21 luglio 2017

Ieri il Tribunale di Roma, con riferimento al processo per "Mafia Capitale", ha condannato 41 persone a 250 anni complessivi di carcere per i reati di corruzione aggravata, turbativa d'asta con metodo mafioso e associazione a delinquere.
Tra queste ci sono anche politici del PD e di Forza Italia, oltre a vari imprenditori.
A Carminati e a Buzzi le condanne più alte, rispettivamente a 20 e 19 anni.
Eppure molti oggi gongolano perchè è caduta la grave accusa di associazione mafiosa.
Quasi che il metodo affaristico-malavitoso capitolino fosse da educande svizzere.
Ma stiamo scherzando?
Dovremmo gioire perchè Roma non sarebbe mafiosa?
Invece è stato appalesato un insieme di marciume fatto di ricatti, corruzione, violenze e criminalità, che coinvolgeva il potere politico e quello economico non solo romano.
Roba da far arrossire dalla vergogna l'intera capitale.
L'unico rammarico è che, a questo punto, la carcerazione per i rei sarà meno dura e molti usciranno presto, grazie
alle solite attenuanti di legge.
Ma si sa, siamo in Italia!

Anche su Twitter: @Fuochidipaglia
Inviato 5 mesi e 3 giorni fa , il 21 luglio 2017.

Trackback url per questo post: http://www.fuochidipaglia.it/blog_cms/bblog/trackback.php/1432/

Commenti:

...
Commento in attesa di approvazione

Commenti disattivati